CURIOSITA' VARIE

TELEVISIONE

Ricerca condotta in Toscana dalla concessionaria FONO VI.P.I. di Milano tra il 14 e il 22/2/1977 su i toscani e la televisione :

Il 37,3 % delle famiglie toscane possiede antenne speciali per la ricezione delle TV locali

L'indice maggiore di ascolto e' localizzato a Firenze.

          N° medio giornaliero di telespettatori in Toscana :

          Frequenza media settimanale d'ascolto delle TV locali in Toscana :

 L'ascolto di Canale 48 di Firenze e' pari al 30% dell'ascolto delle emittenti non RAI.  

Fonte : Altrimedia


Dal 1° Agosto 1983, l'emittente televisiva francese Antenne 2 e' visibile in Italia a colori (precedentemente veniva ritrasmessa in SECAM per cui i programmi ricevuti dai televisori italiani apparivano in bianco e nero). Antenne 2 e' l'unica emittente diversa dalla RAI ad essere regolamentata dalla Legge 103/75. I passaggi pubblicitari vengono oscurati e non puo' trasmettere con una potenza superiore a 200 watt. Sono presenti sul territorio nazionale quattro ripetitori, il principale si trova sul Monte Secchieta in provincia di Firenze.

Fonte : Altrimedia

GUARDA IL VIDEO DELL'OSCURAMENTO PUBBLICITARIO DI ANTENNE 2 IN ITALIA
Clip originale anni ottanta

A differenza di quanto indicato dall'articolo di Altrimedia per un certo periodo (dal loro sbarco in Italia alla fine degli anni 70) anche altre emittenti quali Tele Montecarlo e Tv Koper Capodistria venivano "oscurate" con un cartello durante la trasmissione degli spot pubblicitari sempre in relazione alla Legge di cui sopra, come testimoniato dagli scatti fotografici del 1977 che pubblichiamo qui sotto e gentilmente concessi dall'amico Giacomo Pardini del sito IL CRESPINESE che ringraziamo.

 

       


FORSE NON TUTTI SANNO CHE ....

... la prima tv privata italiana ad attivare un servizio di teletext (poi ribattezzato successivamente dalla RAI : "Televideo") e' stata TELE LIBERA FIRENZE, addirittura prima dell'emittente di stato ! Come si legge da un articolo pubblicato dalla rivista "ALTRIMEDIA" (N° 58 - Giugno 1982) ... "la scelta definitiva dello standard del teletext è stata bloccata da un decreto del Ministero dell'Industria, il quale vieta fino a nuovo ordine la vendita di terminali (televisori modificati) bloccando cosi' le prime offerte delle industrie elettroniche al mercato italiano. (...) Nonostante l'ordinanza del ministero non si e' bloccata invece la realizzazione di servizi di teletext da parte di emittenti televisive private. Per queste infatti offrire ai propri telespettatori anche solo 100 pagine in Teletext vuol dire crescere di immagine e in fedelta' d'ascolto e quindi in acquisizione di pubblicita' specialmente locale. Per altro l'investimento in apparecchiature per fornire il servizio di Teletext non e' proibitivo. (...) La prima tv privata italiana ad arrivare all'appuntamento col teletext e' stata Tele Libera Firenze. Per l'organizzazione e il caricamento delle informazioni in Teletext, Tele Libera Firenze sfrutta la redazione del quotidiano La citta' (che da quando e' venduto a 100 lire conosce un notevole boom). Il menu' e' basato sulle ultime notizie, la vita nella citta', le possibilita' di divertimento (ristoranti, cinema ecc.). Naturalmente il servizio sara' pagato dalla pubblicita', ma si prevede che resti in passivo per un po' di tempo. << Non si possono inserire troppe pagine pubblicitarie - spiegano a Tele Libera - perche' si tratta del primo strumento attivo a disposizione dell'utente. Inoltre per noi questo servizio ha un notevole valore promozionale >>. (...) Il sistema scelto da Tele Libera Firenze e' quello inglese (Prestel) usato dalla BBC e dalla ITV."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TELEVIDEO - TELETEXT RAI DATATO 1993


IMMAGINE DELLA SCATOLA-GIOCO DI PAROLIAMO, FAMOSA TRASMISSIONE IN ONDA NEGLI ANNI '70 E '80 
SU TMC-TELEMONTECARLO E CONDOTTA IN STUDIO DA LEA PERICOLI.
IL PROGRAMMA ERA IL FORMAT ITALIANO DI "DES CHIFFRES ET DES LETTRES" TRASMISSIONE CULTO DI 
ANTENNE 2-FRANCE 2 E TUTTORA IN ONDA SULL'EMITTENTE FRANCESE.


  PRIMO TRASMETTITORE TV PRIVATO A FIRENZE 

Foto e descrizione tecnica del primo impianto privato trasmittente su Firenze


L'elefante e Centocittà

Articolo di Millecanali del Luglio-Agosto 1980 sulla prima trasmissione in diretta nazionale di un network privato 

Data storica per l'emittenza privata italiana quella del 13/14 giugno: è la prima grande ripresa in diretta con collegamenti per tutto il territorio nazionale quella che avviene in occasione delle fasi conclusive del concorso musicale "Centocittà" di Caorle, cui hanno partecipato 140 emittenti private. Le riprese e il collegamento sono a carico del circuito ELEFANTE (o TV EXPRESS) che attraverso tre ponti raggiunge da Caorle il Ciocco, in Toscana. TELECIOCCO smista il segnale al nord e al sud raggiungendo le altre emittenti del circuito in Piemonte, Lombardia, Liguria, Lazio, Campania. Ma altre emittenti hanno chiesto di potersi allacciare per le trasmissioni della manifestazione, di modo che si arriva a un'audience presunta di circa 8 milioni di persone. C'e' stato solo il trascurato e trascurabile inconveniente di un telegramma del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni che diffidava perentoriamente la catena ELEFANTE in quanto la trasmissione - per dinci! - andava un pochettino oltre l'ambito locale riconosciuto alle televisioni private. Letto e cestinato. I privati prendono sempre più slancio e i telegrammi e le diffide gli fanno il solletico.


IL MERCATO TV A FIRENZE

Interessante articolo tratto dalla rivista Millecanali sulla situazione televisiva a Firenze nel Gennaio 1979

Leggi ...

 


UN RARO E CURIOSO ADESIVO DEI PRIMI ANNI OTTANTA
DELLA TERZA RETE RAI TOSCANA

 


IL GRUPPO GBM DALLA TV ALL'INFORMATICA (da Millecanali - Luglio/Agosto 1987)

La GBM di Firenze, di proprietà di Giuliano e Boris Mugnai, è una holding di undici società che costituisce un esempio rappresentativo di una Toscana in espansione dal punto di vista imprenditoriale e dello sviluppo economico. Mentre in Italia era appena cominciato il fenomeno delle televisioni locali, nel lontano 1975, i Mugnai (allora giovanissimi) fondarono - primi fra tutti in Toscana - una televisione locale che doveva ben presto conquistare una posizione di primato : RTV 38, che nel 1982 entrò a far parte del network nazionale Euro Tv.

Da questo primo nucleo fino a oggi c'e' stata una linea costante di sviluppo: investire nell'alta tecnologia per garantire solide fondamenta al mezzo televisivo e su queste fondamenta costruire l'intero edificio di tutte quelle società che ruotano intorno a una televisione e ne permettono l'espansione. Mano a mano sorsero : la Start, cioè la società che si occupa della progettazione, realizzazione e assistenza degli apparati tecnici di alta e bassa frequenza; lo Studio 80, la concessionaria degli spazi pubblicitari fondata da Boris e Giuliano Mugnai per sostenere opportunamente l'attività della loro televisione; la GBM come struttura finanziaria.

A questo punto i Mugnai decisero di acquistare altre quattro testate televisive toscane, unite in Canale 10 (un network a copertura regionale) e di associare al proprio gruppo anche Radio One, una delle prime e piu' valide emittenti fiorentine. L'ultimo tassello del mosaico televisivo del gruppo è stata la costituzione di una società di servizio cui affidare la produzione dei filmati pubblicitari e la cura dell'immagine generale di tutte le società. Venne così fondata la New Media, ultima nata del gruppo GBM. In un periodo più recente la GBM ha instaurato proficui rapporti con la 'Burke International', una multinazionale specializzata in ricerche di marketing con sede a Firenze. Per quanto riguarda il futuro le linee di sviluppo del gruppo GBM sono costituite dall'acquisto di una testata giornalistica e di un'azienda tipografica, mentre è già quasi completo un nuovo progetto che concerne l'ingresso nel settore dell'informatica, sia dal punto di vista dell'hardware, sia da quello del software.

Infine qualche dato più specificatamente televisivo: RTV 38, l'emittente capofila del gruppo GBM, dal '75 ad oggi ha speso cinque miliardi di lire per allestire e mantenere ai massimi livelli 53 postazioni che irradiano su tutta la Toscana, l'Umbria e l'alto Lazio un segnale di potenza pari a 42.400 Watt; Canale 10, organizzato nelle quattro sedi di VideoFirenze, Tele Onda Arezzo, TeleVideo Siena e Rete Amica (Pisa), copre la Toscana attraverso 28 postazioni per una potenza di 16.000 Watt. Studio 80 raccoglie la pubblicità anche per VideoMusic (in Toscana) e 'Tascabile Tv', una rivista televisiva molto nota nell'ambito regionale.


UN PARTICOLARE DI UN LABORATORIO TECNICO DEL GRUPPO GBM


Il triangolino luminoso che appare nell'angolo basso a sinistra quando su un altro canale RAI sta iniziando un altro programma

Presenza fondamentale della televisione anni '60 e '70 il triangolino lampeggiante aveva la funzione di indicare quando iniziava il programma sull'altro canale (allora erano due: rete uno e rete due). 

L'aumento dei canali e la concorrenza tra le reti per mantenere l'audience lo farà sparire negli anni successivi.

This text will be replaced

 


L'ANNUNCIO DELL'ACCORDO TRA RUSCONI E BERLUSCONI PER IL PASSAGGIO DELL'EMITTENTE ITALIA 1 AL GRUPPO FININVEST (16 settembre 1982)

 


UN ATTIMO DI NOI ...

Firenzemedia e' arrivata, seppur per brevi instanti, alla ribalta televisiva nazionale grazie ad un filmato pubblicato sul nostro canale YouTube e riproposto in una prima serata di Luglio dal programma di Italia 1 "Mitici 80" condotto dalla showgirl Sabrina Salerno. Nel fotogramma qua sotto abbiamo voluto immortalare  "L'EVENTO" .... :-)


LA S.T.P. DI MILANO - UNA DELLE PRIME CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA' NAZIONALI PER LE TV PRIVATE

come dimostra lo spazio pubblicitario pubblicato sulla rivista Altrimedia del 1978 che vi proponiamo qua sotto

 


I formati usati dalle Tv private

Ci siamo rivolti ad alcune televisioni private per sapere che tipi di nastri usano per le registrazioni in studio e negli esterni. Dai dati emersi si può notare innanzitutto che i nastri da mezzo pollice sono molto usati, sopratutto per le riprese esterne, dal momento che da essi si può ottenere un buon risultato con poca spesa e con apparecchi leggeri.

Il 3/4 e 1 pollice sono invece preferiti in studio. In particolare il 3/4 U-Matic è molto usato per i film e le manifestazioni sportive; grazie anche alla disponibilità sul mercato di programmi preregistrati su questo tipo di cassette, il formato 3/4 può costituire un'ottima risorsa per le trasmissioni.

L'1 pollice non è ancora molto diffuso; in effetti il costo di questo formato è molto elevato se paragonato agli altri.

CANALE 48 (Firenze)
Studio : 3/4", 1"
Esterni : 1/2"
Marche piu' usate : Memorex

 

ESEMPI DI SUPPORTI MAGNETICI

articolo tratto da Millecanali - Settembre 1977


PICCOLI NETWORK CRESCONO

Articolo tratto dalla rivista Millecanali dell'Ottobre 1987

.. Leggi ..


I PRIMI CIRCUITI TELEVISIVI (JOLLY GIALLO, JOLLY ROSA E GPE)
LE EMITTENTI ADERENTI (1981)

 

 

 

<- MENU' CURIOSITA' <-